ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il popolo di Cienfuegos con i dirigenti del Partito e del governo, hanno reso omaggio agli eroi e ai martiri del 5 Settembre. Photo: Estudio Revolución

CIENFUEGOS.– Il Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, primo segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, ha presieduto la cerimonia per il 60º anniversario del sollevamento armato dei civili e dei marinai contro la dittatura di Fulgencio Batista nel 1957.
Hanno partecipato alla cerimonia diversi artisti e l’oratrice Kenia Viscay de la Cruz, una giovane pubblico ministero ha riaffermato la fede della gioventù nella Rivoluzione Cubana.
La membro del Comitato Centrale del Partito e prima segretaria dell’organizzazione politica nella provincia, Lidia Esther Brunet Nodarse, ha detto che «Cienfuegos è una città viva, centro di perenne bollore di ideee e di progetti in via di sviluppo.  L’affetto ancestrale dei suoi abitanti raddoppia ora grazie a un processo d’identificazione collettiva sorto al calore del 60 anniversario della principale commemorazione locale.»
Brunet Nodarse ha ricordato la figura di Fidel nel primo 5 Settembre senza la sua presenza fisica; Fidel è stato ricordato anche dal membro del Burò Politico e ministro di Salute, Roberto Morales Ojeda, durante le conclusioni della cerimonia.
Nel suo discorso, Morales Ojeda ha sottolineato che «L’esempio del 5 settembre sarà ispirazione permanente, nel cammino di costruire un socialismo prospero e sostenibile. Da quell’alba del 1957 e di quel coraggioso avvenimento sono trascorsi sessant’anni.  Ricordarlo è un impegno per le attuali e per le future generazioni», ha sostenuto.
Erano presenti i membri del Burò Politico e della Segreteria del Comitato Centrale del Partito; il Comandante dell’Esercito Ribelle Julio Camacho Aguilera, leader dell’azione, combattenti e familiari dei los caduti.
Il popolo di  Cienfuegos dopo la cerimonia ha raggiunto il Pantheon dei caduti nelle storiche gesta, nel cimitero Tomás Acea.
Nella sala museo del cimitero è stata inaugurata l’esposizione “Lente en la memoria”, del fotografo Patricio Chaviano. Infine è stata offerta una corona di fiori in ricordo dei patrioti morti a Los Pinitos. (Traduzione GM – Granma Int.)