ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Assemblea Nazionale del Potere Popolare 2017. Photo: Juvenal Balán

Con la presenza del Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, è iniziato il IX Periodo Ordinario di Sessioni dell’Ottava Legislatura dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP), nel Palazzo delle Convenzioni de L’Avana.
Esteban Lazo Hernández, presidente del Parlamento, ha aperto la giornata con un’analisi del lavoro realizzato nelle sessioni precedenti dai deputati, che hanno discusso 79 temi ed hanno ricevuto informazioni tra le varie voci, sull’informatizzazione della società, la situazione della siccità e il Progetto di Legge delle Acque Terrestri  e si sono riuniti i gruppi parlamentari per fare una valutazione del proprio lavoro.
«I deputati hanno ricevuto un’informazione sulla realizzazione degli accordi adottati dalla  ANPP, e sul lavoro della Corte dei Conti della Repubblica, che ha elaborato una guida per il controllo del bilancio dello Stato», ha commentato.
Lazo  ha spiegato  il lavoro realizzato dalla commissione dei temi economici  che ha avuto la responsabilità d’organizzare una visita di riscontro nei 168 municipi del paese, per analizzare l’applicazione degli orientamenti della ANPP agli organi locali sulla fiscalità del bilancio statale.
Poi ha indicato che questo periodo si è caratterizzato per l’incremento delle udienze pubbliche con una vasta partecipazione di giovani che hanno dibattuto sul sistema politico cubano, così com’è stato analizzato il ruolo del delegato e lo scontro alle indiscipline socieli.
La deputata Ofelia Miriam Ortega, per il municipio di Calimete, ha ringraziato a a nome dei parlamentari il presidente dell’ Assemblea Nazionale, Esteban Lazo Hernández, per l’iniziativa che ha permesso ai deputati e alle deputate di partecipare al controllo in ogni territorio dell’implementazione delle azioni per garantire il lavoro dell’Assemblea e gli orientamenti degli organi locali sulla fiscalità del bilancio statale.
Queste azioni sono state un’esperienza di comunicazione eccellente sia con i direttori delle istituzioni, i dipartimenti di finanze e i lavoratori in generale di settori come lo zucchero, il riso, l’educazione e la salute, uno scenario propizio per mostrare  il lavoro completo e la guida nei municipi.
Inoltre l’esperienza è servita come termometro per constatare le preoccupazioni e gli sforzi per eliminare gli errori e gli ostacoli  e provare le forze sulle quali si conta per un transito sicuro al futuro.
«Possiamo dire che questa esperienza ci insegna che in Cuba si pratica il concetto di democrazia del quale ci parlava Fidel  e che non è altro che lavorare e  dedicarsi agli interessi del popolo», ha detto la parlamentare.
Inoltre ha suggerito che questi incontri vengano adottati come metodo di lavoro per il continuo perfezionamento del Potere Popolare.
Lina Pedraza, ministro di Finanze e Prezzi, ha presentato la relazione di liquidazione del bilancio dello Stato del 2016 ed ha sostenuto che la situazione dell’economia nel 2016 è stata marcata da uno sfavorevole scenario economico internazionale che ha portato a forti limiti,  per esempio, nel rifornimento di combustibile  ed ha mantenuto la rigidità del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti a Cuba.
«Per questo è stato necessario adottare misure restrittive nel secondo semestre che hanno permesso di minimizzare gli impatti nell’economia e la popolazione», ha spiegato. Indubbiamente sono stati rimediati i danni provocati dall’uragano Matthew,  che ha provocato forti  distruzioni, ma senza perdite di vite umane.
Le misure del Governo rivoluzionario hanno permesso un rapido ed efficace recupero, assegnando più di 286 milioni di pesos del bilancio e altre risorse del sistema delle imprese al processo di ristrutturazione.
La ministra ha sottolineato che con il finanziamento del bilancio si sono assicurati i servizi di base e altri d’impatto con la qualità della vita della popolazione, destinando il 5’% alla salute, l’educazione  e l’assistenza sociale.
«Il sistema di salute pubblica, ha mostrato risultati favorevoli nella mortalità infantile, ha detto, ed è stata data priorità al programma di restauro delle istituzioni mediche,  garantendo l’igienizzazione e l’eliminazione delle zanzare. Ciononostante non si è contato sempre con la disciplina e la responsabilità sociale della popolazione e le entità.  L’educazione, dall’asilo alle medie, copre più di un milione 700.000 studenti  e nell’educazione superiore funzionano 50 centri universitari con più di 218.000 studenti. L’assistenza sociale ha offerto aiuti economici a circa 176.000 persone; negli ospizi per anziani sono state eseguite  riparazioni che sono ancora insufficienti  di fronte all’invecchiamento della popolazione», ha citato la ministro.
Inoltre ha sottolineato che sono state appoggiate le attività sportive come l’installazione di 100 bio-palestre per la salute per completare le 631 nel paese, e che le offerte culturali hanno superato quelle degli anni precedenti.
Per avanzare nel  recupero del fondo delle abiitazioni sono stati consegnati più di 1330 milioni di pesos in sussidi alle persone, per realizzare  costruzioni apportando benefici a circa 28000 famiglie.
Senza dubbio si dovranno privilegiare le priorità in funzione dei beneficiari con la corretta distribuzione delle risorse e il deficit nella costruzione dei materiali per la costruzione.
Lina Pedraza Rodríguez ha segnalato che la sicurezza sociale ha destinato 5800 milioni di pesos per la copertura di 1 milione 600.000 pensionati.
Quanto è stato fatto con le risorse del bilancio in quest’area  differisce dalla realtà nel contesto internazionale.
« Nell’ultimo trimestre del 2016, ha spiegato, è cominciata l’applicazione del contributo speciale alla sicurezza sociale e dell’imposta sulle entrate personali, i cui risultati sono stati favorevoli. Inoltre nell’attività scientifica sono stati finanziati 173 progetti».
La titolare del MFP ha assicurato che nell’impegno delle attività finanziate sono state riscontrate mancanze nella disponibilità di beni e strumenti e che la presenza di personale specializzato è sempre bassa.
Poi ha segnalato che sono stati destinati alla produzione 1100 milioni di pesos, dando priorità alle esportazioni e alla sostituzione delle importazioni, tra le quali si segnalano le produzioni di riso, fagioli, latte e miele.
In accordo con Lina Pedraza, sono stati assegnati 56 milioni per sviluppare la forza produttiva nell’agricoltura.
67 imprese, ha informato,  hanno chiuso con perdite per un ammontare di 297 milioni di pesos, con enfasi sulle entità del Ministero dell’Agricoltura.
Durante il 2016, sono stati incontrati alti indici di inventari per circa  230.000 milioni di pesos e sono cresciuti anche gli inventari inattivi e di lento movimento, una vera contraddizione al comportamento della nostra economia.
Gli investimenti sono stati eseeguiti al 86% anche se  sono stati fatti passi avanti nell’esecuzione di opere importanti come i programmi ferroviari, le strade e lo scontro alla siccità.
Le spese sono state di 57.800 milioni finanziati,  si legge nella relazione, e questi sono stati coperti al 93% dal settore statale, dimostrando la sua importanza.
Il contributo allo sviluppo territoriale è stato destinato alle opere statali, ma è necessario perfezionare l’uso di questi contributi  a favore dello sviluppo dei municipi.
Le entrate hanno superato 51.300 milioni con un compimento del 97%, con incidenza dei servizi medici  e della vendita libera di alimenti.
La ministra ha spiegato che i risultati delle uditorie realizzate dalla Corte dei Conti Generale della Republica e le azioni di controllo intergale delle funzioni del Ministero di Finanze e Prezzi e il suo sistema, hanno mostrato discreti passi avanti. Ciononostante ci sono sempre notevoli lacune nel controllo del bilancio e delle risorse che si esegue nelle unità finanziate e in altre;  questo è condizionato fondamentalmente per la mancanza di documenti  rettori e delle norme di procedimento della disciplina fiscale e finanziaria, con un’insufficiente analisi delle cause e condizioni che apportano questa mancanze
La ministro  ha sottolineato i limiti dell’amministrazione tributaria per affrontare gli invasori. La negligenza è la partecpazione di quadri e lavoratori in presunti reati mettono in evidenza che i piani di prevenzione sono ancora molte volte formali.
«I problemi segnalati, ha detto, sono stati analizzati con le province e i differenti organismi.  Il deficit fiscale del bilancio dello Stato è stato di  6.126 milioni di pesos, cioè una cifra minore di 97 milioni di pesos, rispetto a quella pprovata  e che rappresenta il  6,8 % del Prodotto Interno Lordo stimato a prezzi  correnti», ha concluso. ( Traduzione GM – Granma Int.)