ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Pinar del Río.– Oltre alle azioni di rinnovo costruttivo realizzate nella città di Pinar del Río, durante gi ultimi mesi sono entrati nel mercato nuovi prodotti preparati  dalle entità della provincia.
L’obiettivo è l’incremento delle offerte alla popolazione  con la rianimazione delle unità dedicate al commercio, la gastronomia e i servizi.  
Wicher Rivera, direttore dell’Impresa dei Latticini e Confetteria di Pinar del Río, ha spiegato a Granma che come parte del programma per il 150º anniversario della città, tutte le entità che appartengono al Ministero dell’Industria Alimentare sono state convocate dalle massime autorità del territorio per mettere in pratica la creatività, realizzare il recupero di alcuni prodotti perduti e incrementare le consegne di altri con una scarsa presenza nel mercato.
«Sino ad oggi la mia impresa apportava piccole quantità di yogourt naturale, formaggio fuso e gelato alla rete dei Mercati Ideali».
«In coordinamento con il nostro Ministero, ora prepariamo un nuovo gruppo di prodotti e dal mese di dicembre scorso abbiamo cominciato le consegne»,  ha assicurato il funzionario.
«Nel caso del formaggio crema naturale che da anni qui non si produceva, oggi lo abbiamo in commercio in piccole confezioni e anche la Crema Cecilia elaborata con la fabbrica  La Conchita, a base di salse e formaggio da usare per l’elaborazione di pasta o pizza »,  ha informato.
In totale sono dieci i nuovi prodotti incorporati dall’Impresa dei Latticini, includendo il dolce di latte, (come un creme caramel) lo sciroppo di cioccolato, il patè e un frullato confezionato.
Altre entità a loro volta hanno applicato strategie simili.
L’impresa della pesca Industriale La Coloma per esempio ha presentato 13 prodotti come salsicce e chorizo di pesce; la Alimentare ha incorporato cakes e dolci di differenti formati.
Prima dell’anniversario della città nel mese di settembre si prevede la messa in vendita di un altro gruppo di prodotti come il pane di chicharrones, di ajonjolí, di aglio, e l’apertura di un negozio specializzato con servizio di caffetteria, dove la popolazione possa comprare questi assortimenti.
Desiré Díaz, direttore dell’entità, ha affermato che oltre a produrre  nuovi prodotti,  esiste l’impegno di farli rimanere a disposizione della popolazione in maniera stabile anche dopo il 150º anniversario della città ( Traduzione GM - Granma int.)