ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Al suo arrivo il ministro delle Relazioni Estere della Bolivia, Fernando Huanacuni Mamani, ha riaffermato l’impegno con la lotta storica di Nuestra America . Photo: Jose M. Correa

Con l’obiettivo di partecipare oggi al XV Consiglio Politico dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli di Nuestra America - Trattato di Commercio dei Popoli (ALBA-TCP) ieri sono giunti a L’Avana i cancellieri e le delegazioni dei paesi membri.
«Vengo per riaffermare l’impegno con la lotta storica dei nostri popoli d’America, che non è solo una posizione politica, ma è una lotta per la dignità e per recuperare la nostra storia»,  ha detto al suo arrivo nel pomeriggio di ieri domenica 9, il ministro delle Relazioni Estere della Bolivia, Fernando Huanacuni Mamani, che è stato ricevuto da Carlos Zamora, direttore per l’America Latina e i Caraibi del Ministero delle Relazioni Estere di Cuba.

L’arrivo a L’Avana dell’Assessore del Presidente del Nicaragua per i Temi Internazionali. Photo: Jose M. Correa

«Sono molto contento di venire a Cuba per ringraziare personalmente il popolo e il Governo di questo paese da parte del popolo e del Governo boliviano, per le attenzioni mediche prestate al presidente Evo Morales, che è in convalescenza dopo l’operazione realizzata qui », ha detto  Huanacuni.
È arrivato nella capitale anche l’assessore presidenziale per i Temi Internazionali del Nicaragua, Simhartha Francisco Martín.
Poche ore prima era arrivato al  Terminal 3 dell’Aeroporto Internazionale José Martí, il ministro delle Relazioni Estere  di El Salvador, Hugo Martínez, che ha espresso la sua posizione di sostegno con l’ALBA-TCP come
meccanismo d’integrazione regionale.
Al  Terminal 1 sono giunte in volo  congiunto le delegazioni di diversi paesi dei Caraibi e la cancelliere venezuelana Delcy Rodríguez.
Questo XV Consiglio Politico dell’ALBA-TCP è una continuità del XIV Vertice Straordinario realizzato il mese scorso a Caracas, in Venezuela.
Questo Consiglio, come ha informato la cancelleria cubana, dovrà ratificare la dichiarazione finale del XIV Vertice Straordinario di Caracas e riaffermare l’impegno dei suoi Stati membri con i precetti del Proclama dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace, adottato dalla CELAC nel gennaio del  2014.
Parteciperanno all’incontro anche i ministri delle Relazioni Estere di Ecuador, Dominica, San Vicente y las Granadinas, Santa Lucía, Granada e del paese anfitrione. ( Traduzione GM – Granma Int.)