ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Esteban Lazo percorre le aree del Complesso Culturale Monserrate. Photo: Ventura de Jesús García

MATANZAS.— Il Complesso Culturale Monserrate, totalmente ristrutturato, è il miglior regalo per festeggiare il 55º anniversario dell’Unione dei Giovani Comunisti  (UJC) e del 56º dell’Organizzazione dei Pionieri José Martí (OPJM),  ha detto  Esteban Lazo, membro del Burò Politico del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba.
Il presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, che ha fatto i suoi auguri a tutti i giovani e i pionieri del paese, ha sostenuto che il riscatto del rappresentativo luogo, parte della storia di Matanzas e del suo patrimonio è espressione della volontà di rianimare la città per i suoi 325 anni dalla fondazione.
In compagnia dei più alti dirigenti del Partito e delle autorità del Governo nel territorio, Lazo  ha visitato in questa zona le aree del parco dei divertimenti che ha riaperto i battenti al pubblico con tutti gli apparati in funzione e nuove opzioni ricreative.
 Tra queste c’è un nuovo centro tecnologico dotato di 20 PC, dove si possono affittare tables per la navigazione in Internet e giochi interattivi.
Poi Lazo ha visitato l’Ermita de Monserrate, un gioiello dell’architettura cubana da dove si ammira una vista spettacolare della Valle de Yumurí e della baia di Matanzas.
Poi ha incontrato i lavoratori del ristorante cabaret, situato nel complesso culturale, e con varie famiglie di Matanzas che si trovavano presenti.
«Vedere questo centro ristrutturato e vedere come tante persone lo apprezzano, soprattutto giovani  e bambini, è motivo di soddisfazione», ha sottolineato.
«Ora ci tocca curarlo e avanzare con altri progetti», ha commentato ancora.
Valutando le azioni previste per il 325º anniversario della città. Lazo ha insistito che con il cambio materiale e d’immagine deve avvenire una trasformazione nell’atteggiamento della gente che implichi una maggior disciplina e cultura dell’ordine, così come una migliore qualità dei servizi e del senso di appartenenza.
In un breve incontro con i rappresentanti dei media della stampa, ha parlato del processo di resa dei conti come di uno degli elementi che distinguono la nostra democrazia e da lì l’importanza che queste riunioni si facciano con il massimo  della qualità. Poi ha elogiato la figura del delegato, l’anello principale nel sistema politico cubano.  ( Traduzione GM - Granma Int.)