ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Visita realizzata alla scuola Speciale Solidarietà con Panama. Classe di Balloterapia. Photo: Alberto Borrego

L’Avana – I rappresentanti di organizzazioni non governative dell’America Latina e dei Caraibi hanno elogiato in questa capitale, le politiche Pubbliche di Cuba in appoggio alle persone con invalidità, per il loro benessere sociale.
In esclusiva con la ACN, Sandra Darce Mendoza, membro della Commissione d’Ammissione della Rete Latinoamericana delle Organizzazioni Non Governative delle Persone con  Invalidità e le loro Famiglie  (Riadis), ha apprezzato i  programmi d’inclusione dell’Isola che conta anche su centri d’ abilitazione per questo segmento della popolazione.
“Paesi, ha detto, come  Nicaragua, Bolivia y Cuba vanno segnalati per la messa a fuoco sociale delle loro politiche che danno la possibilità alle persone con invalidità di sentirsi utili e svilupparsi pienamente.
Sandra Darce,  che ha partecipato alla VI Conferenza Latinoamericana della Riadis svolta a L’Avana per la prima volta, ha sottolineato il significato di
relizzare questo incontro nella nazione cubana, esempio di lotta per l’unità, le cause giuste e l’uguaglianza di tutte le persone, senza nessuna discriminazione.
Realizzare questo appuntamento nell’Isola significa seguire il legato dei leaders Fidel Castro, Augusto César Sandino, Hugo Chávez, e di coloro che lottano per far sì che uomini e donne nel mondo abbiano una vita da uguali.
La rappresentante della Federazione Nazionale delle Donne con Invalidità in Nicaragua, ha fatto un riferimento all’esclusione di questo gruppo di persone, soprattutto nell’ambito del lavoro, dove in occasioni le si osservano con pregiudizi o ripulsa.
“Oltre ai limiti fisici o mentali ci sono anche freni esterni e questi li dobbiamo sradicare. Da lì l’importanza di questo incontro per sommare voci, scambiare buone pratiche e potenziare l’adozione di politiche pubbliche inclusive nella regione”, ha spiegato.
 Oggi venerdì 17,  nel Palazzo delle Convenzioni, si conclude la VI Conferenza della Riadis che ha riunito 200 delegati di 16 paesi.
*L’America Latina, che include unità, sviluppo, pace e speranza*  è il lemma dell’incontro il cui programma ha compreso temi come il linguaggio dei segni e uno sguardo all’Agenda 2030 della ONU da una prospettiva delle persone invalide  (ACN/ Traduzione GM – Granma Int.)