ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’apertura della mostra fotografica “Solidaridad vs. Bloqueo” ricorda con chiarezza l’ingiusta reclusione dei Cinque Eroi arrestati il 12 settembre del 1998 e liberati grazie alla voce unanime di coloro che hanno reclamato la loro libertà  per più di dieci anni, a Cuba e nel mondo.
Le foto esposte nella sede de L’Avana dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP), captano le azioni di massa realizzate da amici solidali del mondo per appoggiare la Rivoluzione Cubana nei progetti di sfida come la Carovana dei Pastori per la Pace e le brigate Venceremos e Juan Ríus Rivera, formate da cittadini statunitensi e di Puerto Rico che reclamano il loro pieno diritto di viaggiare a Cuba senza chiedere licenze al Dipartimento del Tesoro.
L’attività è stata realizzata nell’ambito della giornata “Abbiamo Memoria. Solidarietà contro il Blocco e il Terrorismo”, iniziata il 4 settembre in ricordo del giovane italiano Fabio di Celmo, assassinato da una bomba mercenaria
nell’Hotel Copacabana della capitale e che terminerà il 27 ottobre con i risultati delle votazioni nella ONU, per condannare il criminale blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti.
Inaugurando la mostra,  la presidente del ICAP, Kenia Serrano Puig ha reiterato che non dimenticheremo mai le vittime del terrorismo.
“Quello che salverà la giustizia è la solidarietà”, ha assicurato la deputata ed ha convocato a realizzare azioni i prossimi 17 settembre di ogni mese, per lottare contro il blocco e per la sovranità, la giustizia e l’emancipazione sociale.
Nelle località cubane si realizzano pubbliche udienze dei CDR per riflettere sulle strategie statunitensi che proclamano una normalizzazione delle relazioni diplomatiche senza eliminare il blocco e mantenendo l’illegale base navale di Guantánamo, dove c’è una prigione, tutti temi che necessitano una soluzione, se si vuole un avvicinamento reale tra i due paesi. ( Traduzione GM – Granma Int.)