ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il Comitato Nazionale dell’Unione dei Giovani Comunisti (UJC), in un Plenum Straordinario effettuato sabato  9, nella capitale,  ha eletto come sua Prima Segretaria  Susely Morfa González, che era seconda segretaria dal  2013.
I membri di questa istanza giovanile hanno segnalato la carriera di  Susely e il  suo apporto all’organizzazione.
Ugualmente hanno segnalato il lavoro di  Yuniasky Crespo Baquero,  che è stata liberata dall’incarico in un processo naturale di rinnovo dei quadri, e sarà promossa al lavoro del Partito.
Durante l’incontro, presieduto da José Ramón Machado Ventura, Secondo Segretario del Comitato Centrale del Partito e membro del Buró Politico e dal Primo Vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, è stato promosso Ronald Higaldo Rivera alla responsabilità di secondo segretario del Comitato Nazionale della UJC.
Hidalgo Rivera era membro del Burò Nazionale e seguiva i settori di educazione, salute e sport, oltre alle organizzazioni studentesche.
Per svolgere queste funzioni è stata approvata la proposta di Yanetsy Rodríguez Sampson,  che era prima segretaria dell’organizzazione giovanile  nella provincia Granma.
Machado Ventura  ha elogiato l’intensità e la dedizione di  Yuniasky e dei suoi compagni nella direzione della gioventù comunista ed ha segnalato che ha operato molto bene e con buoni risultati nel compito che le era stato assegnato.
Il Plenum ha inviato gli auguri a Fidel per il suo 90º compleanno.
In un dialogo con i partecipanti all’incontro, il secondo segretario del Comitato Centrale del PCC ha chiamato ad evitare le ingenuità nel lavoro politico e a mantenere la scintilla accesa in forma permanente nell’attuale congiuntura che il paese affronta e di fronte a coloro che cercano di seminare la delusione  e l’incertezza.
Machado Ventura ha segnalato che si vince solo si comprende la situazione e come  va affrontata.
Tutto dipenderà da noi, dal lavoro, dalla chiarezza  e dal ruolo che svilupperà l’organizzazione tra i giovani, un settore molto importante per il paese, ha sottolineato.
Díaz-Canel Bermúdez  ha incitato i giovani a sviluppare una piattaforma di lavoro emancipatrice,  basata nelle nostre essenze, nella nostra identità, nelle nostre ragioni e verità e soprattutto nell’opera della Rivoluzione.
Promuoviamo un’espressione rivoluzionaria e umanista, colta nel comportamento, di partecipazione e apporto alla Rivoluzione, appoggiando la convocazione che ha fatto il Generale d’Esercito Raúl Castro a non lasciare spazio per l’improvvisazione e il disfattismo. ( Traduzione GM – Granma Int.)