ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Ronald Suárez Rivas

Al termine del 2015 erano state identificate nell’arcipelago cubano un totale di 211 aree protette, delle quali 77 sono di significato nazionale per il loro apprezzabile ecosistema naturale e i valori culturali che presentano.

I dati del Ministero di Scienza, Tecnologia e Ambiente (Citma), hanno informato che della cifra generale citata, 103 sono state approvate dal Comitato Esecutivo del Consiglio dei Ministri e dispongono di programmi di maneggio, mentre altre 16 sono in processo di valutazione per ricevere lo stesso riconoscimento.

Varie contano con riconoscimenti internazionali, come le Riserve della Biosfera Guanahacabibes, Buenavista, Baconao e Cuchillas del Toa, e i Parchi Nazionali Alejandro de Humboldt e Desembarco del Granma, dichiarati luoghi del Patrimonio Mondiale Naturale.

Concepite con l’obiettivo di favorire la conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità, del patrimonio boscoso e delle altre ricchezze, le aree protette presentano un’elevata rappresentatività della fauna e della flora cubana con livelli d’endemia superiori al 95% e al 85%% rispettivamente. (Traduzione GM – Granma Int.)