ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il Patriarca Kirill e Papa Francisco hanno firmato una dichiarazione congiunta. Photo: Estudio Revolución

L’Avana è stata di nuovo uno scenario d’intesa e di dialogo.

Nel pomeriggio di venerdì 12 è avvenuto l’incontro tra Papa Francisco e il Patriarca della Chiesa Ortodossa Russa, Sua Santità Kirill, la prima riunione dei leaders delle due chiese dopo lo scisma del cristianesimo nel 1054.

Nel pomeriggio il Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, ha ricevuto il Vescovo di Roma in transito nell’Aeroporto Internazionale José Martí – dove ha realizzato uno scalo di transito prima della sua visita in Messico – accompagnato dal cancelliere Bruno Rodríguez Parrilla; l’Arcivescovo de L’Avana, Cardinale Jaime Ortega Alamino e altre autorità cubane.

Dopo un affettuoso saluto i due leaders delle chiese Cattolica e Ortodossa Russa si sono riuniti privatamente per circa due ore e poi hanno firmato una dichiarazione congiunta che raccoglie in 30 punti aspetti chiave come la situazione nei paesi del Medio Oriente e dell’Africa del nord, l’importanza del dialogo inter-religioso e il diritto inalienabile alla vita, così come il ruolo della famiglia.

“Cuba continuerà ad appoggiare la pace. E adesso resta quella della Colombia”, ha assicurato Raúl al termine dell’incontro tra il Patriarca Kirill e Papa Francisco.

La mattina il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia aveva posto una corona di fiori nel Memoriale José Martí, accompagnato da Rogelio Sierra, viceministro delle Relazioni Estere di Cuba e quindi aveva visitato le differenti sale del complesso.

Nel luogo dedicato alla vita e all’opera del Maestro, la sua direttrice, Haydée Díaz, ha offerto a Sua Santità una targa ricordo del centro e un libro di fotografie di Cuba.

L’ agenda di Kirill per oggi prevede di porre una corna di fiori davanti la monumento al Soldato Internazionalista sovietico.

Poi verrà decorato con l’Ordine José Martí, la più alta medaglie concessa dal Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba.

Inoltre realizzerà una visita alla scuola “Solidaridad con Panamá”, dove Sua Santità Kirill consegnerà una donazione di sedie a rotelle per bambini con necessità d’educazione speciale (Traduzione GM – Granma Int.)