ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Fidel, Francois Mitterrand, e Ramón Castro durante una visita nella Valle di Picadura. Photo: Arnaldo Santos

In questi quasi sessant’anni la Rivoluzione cubana ha avuto amici in tutte le parti del mondo. Uno di questi è stato François Mitte­rrand, avvocato e politico francese.

Mitterrand realizzò, nell’ottobre del 1974, una visita di sei giorni nell’Isola come primo segretario del Partito Socialista (PS) della nazione francese e fu ricevuto con gli onori che si danno a un Capo di Stato.

Durante il suo soggiorno il politico fu ricevuto dal Comandante in Capo Fidel Castro, allora primo ministro. Il presidente cubano era Osvaldo Dorticós che lo ricevette a sua volta.

Come parte del suo programma, oltre che a L’Avana, andò a Matanza e a Santiago di Cuba, dove visitò la storica caserma Moncada.

Un comunicato firmato in quel momento tra il Partito Comunista di Cuba e il PS francese, plasmò la solidarietà del popolo francese con il cubano di fronte all’imperialismo e alle sue azioni ostili, essendo il blocco economico, commerciale e finanziario una delle manifestazioni più intollerabili.

A questo proposito Mitterand segnalò l’immenso sforzo collettivo: “Mediante il quale Cuba incontra il suo proprio cammino verso il socialismo, il suo popolo dà un esempio di una fermezza, una generosità e un’allegria di vivere che non possono che colpire profondamente i socialisti francesi”.

Il primo segretario del PS visitò l’Isola accompagnato da una delegazione di alti funzionari del Partito Socialista, tra i quali il presidente del gruppo parlamentare socialista Gaston Defferre, e da sua moglie Danielle, riportava la AFP.

Fidel condivise una buona relazione di amicizia con Danielle, che visitò L’Avana in molte occasioni e fu la responsabile di Francia Libertades, una fondazione umanitaria incaricata di rinforzare l’auge e l’intensificazione delle libertà individuali e collettive nel mondo”, secondo la Commissione Europea.

Alcuni anni dopo fu Fidel che visitò la Francia rispondendo ad un invito del Fondo delle Nazioni Unite per l’Educazione , la Scienza e la Cultura (Unesco), dopo la sua partecipazione al Vertice Mondiale sullo Sviluppo, a Copenaghen, nel 1955.

Nella capitale francese alloggiò nell’Hotel Marigny, dove le autorità francesi ricevono i loro più distinti ospiti.

Precisamente nella sua prima visita, il leader della Rivoluzione Cubana offerse un discorso nella sede dell’Unesco, a Parigi, dove definì il blocco “un’azione criminale” e sostenne che nessuna circostanza può giustificarlo, perchè lo soffre la gente.

Dopo il suo discorso, si riunì brevemente con l’allora direttore generale dell’ istituzione, lo spagnolo Federico Mayor Zaragoza.

Poi fu ricevuto nell’Assemblea Nazionale, dove visitò l’emiciclo e la biblioteca e parlò con un gruppo di deputati.

Durante il suo soggiorno di tre giorni nella nazione europea, Mitterand ricevette privatamente Fidel, come Capo di Stato, nel Palazzo dell’Eliseo.

Mitterrand morì l’8 gennaio del 1996 vittima di un cancro alla prostata.

Il suo funerale fu un grande omaggio da parte dei francesi e di molte grandi personalità di tutto il mondo, tra le quali si trovava anche il leader della Rivoluzione Cubana.

Fidel s’incontrò con vari Capi di Stato e di Governto nella cattedrale di Notre Dame di Parigi, per dare l’ultimo addio al presidente francese che aveva mantenuto l’incarico per il periodo più lungo, dal 1981 al 1995.

La Francia e la sua Marianna

*La Marianna*, simbolo della Repubblica, rappresentò la la lotta degli oppressi e i valori della rivoluzione francese: libertà, uguaglianza e fraternità.

La Marianna dello scultore Georges Laurent Saupique (1889-1961), fu uno dei busti ufficiali durante la Quarta Repubblica (1946-1958), e attualmente ogni comune e municipio francese possiede un busto o una sua statua.

L’origine del nome rimonta al XVIII secolo quando il nome di Marie e Anne erano molto comuni in tutta la Francia, soprattutto tra la popolazione delle campagne e per questo diedero questo nome a questa eroina, la Marianna, un’allegoria della Madre Terra.

Porta un berretto frigio, simbolo proveniente dall’antica Turchia e che a Roma fu distintivo degli schiavi che avevano recuperato la libertà, ed è così come si vede nello scudo cubano. ( Traduzione GM – Granma Int.)