ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Foto: María Carla O’Connor

L’insistenza dei venti forti della regione nordovest, nel sudest del Golfo del Messico, associati all’ampia circolazione di una bassa pressione extratropicale estesa sulla Florida, hanno provocato una notevole mareggiata nel litorale nord della regione occidentale cubana, includendo il Malecón della capitale, il bel lungomare.

In accordo con le informazioni offerte a Granma dalla dottoressa Yinelis Bermúdez, del Centro dei Pronostici dell’Istituto di Meteorologia, sino alle sei del pomeriggio si riportavano inondazioni della costa nelle zone basse dei municipi di Playa, Plaza de la Revolución e Centro Habana, soprattutto in alcuni punti dove l’acqua è avanzata di 200 metri.

È interessante citare che nelle prime ore della mattina di ieri domenica 17, un’altra linea di piogge e temporali si è mossa rapidamente sulla regione occidentale e al suo passaggio ha provocato venti forti di 58 Km. l’ora, misurati nella stazione di Casablanca, e raffiche di 95 Km. l’ora.

Per oggi lunedì 18 ci sarà un predominio di condizioni invernali in occidente e al centro dell’Isola, con temperature massime tra 21 e 24 gradi Celsius.

Inoltre continuerà la forte mareggiata nella costa nord e sono possibili nuovi accumuli di acqua marina nelle zone basse. ( Traduzione GM – Granma Int.)