ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
A Cuba la speranza de vita alla nascita è di 79 anni, e questo dato la situa al 33º posto della scala globale. Photo: Julio Martínez Molina

Tra le 188 nazioni che presentano i dati di Sviluppo Umano al programma delle nazioni unite per lo sviluppo PNUD cuba occupa il 67º posto migliorando di due posti la sua posizione rispetto alla relazione del 2014, e la situa nuovamente tra i paesi con un Alto Sviluppo Umano.

“L’Indice di Sviluppo Umano (IDH) è un insieme composto dalla speranza di vita e dagli indici di reddito e d’educazione”, ha segnalato Juan Carlos Alfonso Fraga, direttore del Centro di Studi della Popolazione e lo Sviluppo dell’Ufficio Nazionale di Statistica e Informazione - ONEI.

“Il IDH, ha aggiunto, è stato creato per sottolineare la crescita economica, ma soprattutto le persone e le loro capacità, che devono essere il criterio fondamentale nella valutazione dello sviluppo di un paese.

I dati offerti del ONEI indicano che la speranza di vita alla nascita nell’Isola raggiunge i 79 anni e questo situa Cuba – in questo - indice al 33º posto della scala globale.

Ugualmente il PNUD valuta la media degli anni di scolarità raggiunta dalla popolazione con più di 25 anni. Questo valore tocca gli 11.5 anni e colloca Cuba al 30º posto.

Il PNUD valuta anche gli anni di speranza di scolarità che l’individuo può raggiungere nel paese. A Cuba questo indice tocca i 13.8 anni, cioè il secondo anno di università, e questo situa l’Isola al 73º posto.

Alfonso Fraga ha poi spiegato che il PIL - Ingresso Nazionale Lordo - permette di valutare la sua importanza in funzione della popolazione di ogni paese e nei termini di parità d’acquisto, per realizzare paragoni internazionali.

Qui Cuba occupa il 114º posto.

Il dirigente ha aggiunto che: “Cuba continua ad essere il paese che ascende maggiormente, perchè ha migliorato 47 posti in quello che riguarda il PIL e questo è stato possibile grazie ai valori raggiunti nelle sfere della salute e dell’educazione, perchè in queste materie l’Isola è all’altezza di quelli con il più alto sviluppo e riflette la portata delle politiche pubbliche applicate nel periodo rivoluzionario”, ha puntualizzato. (Traduzione GM – Granma Int.)