ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Quando il nucleo funziona ed è esigente si ottengono buoni risultati, hanno coinciso i delegati di Villa Clara. Photo: Efraín Cedeño

Santa Clara - Varie entità produttive di Santa Clara non realizzano i loro piani di previsione in settori come la produzione di latte di mucca, la preservazione dei bovini e la produzione di tuberi e vegetali, tra l’altro, mentre la CPA Augusto C. Sandino, di Placetas mostra una situazione totalmente differente.

Lì il cibo per il bestiame avanza, si realizza la consegna del latte e la resa delle canne da zucchero è stata la migliorie della provincia, e tutto questo è dovuto al fatto che, come ha spiegato Luis Mora, segretario del nucleo del Partito nell’entità: “Abbiamo saputo prendere il toro per le corna, per ottenere la necessaria coerenza tra l’organizzazione politica, il direttivo e i lavoratori”.

In questo territorio, con la stessa siccità e le stesse risorse, altre cooperative e altre imprese presentano una resa scarsa, imperano la mancanza di disciplina e di motivazioni dei lavoratori e questo mette in evidenza che dove il nucleo funziona ed è esigente, come nel caso della Augusto C. Sandino, si possono ottenere magnifici risultati, ha segnalato Jorge Luis Broche, massima figura politica di questo municipio.

Attorno a tutto questo si sono sviluppate le riflessioni di domenica 8, durante l’Assemblea Provinciale di Bilancio del Partito a Villa Clara, presieduta da José Ramón Machado Ventura, secondo segretario del Comitato Centrale del PCC e vicepresidente dei Consiglio di Stato e dei Ministri, che ha insistito sul fatto che deve esistere un risposta effettiva da parte delle differenti forme di produzione in corrispondenza allo sforzo che realizza il paese per garantire risorse imprescindibili.

Durante la riunione che ha analizzato il lavoro svolto dal Comitato Provinciale del Partito nella realizzazione delle Linee approvate nel VI Congresso e degli obiettivi tracciati nella Prima Conferenza Nazionale dell’organizzazione politica, sono stati discussi i temi della produzione di alimenti, il programma della canna da zucchero e il ruolo dei militanti nella formazione delle nuove generazioni.

Un buon esempio di quello che si può ottenere quando il segretario affronta il problema e non prende “fischi per fiaschi”, ha detto il segretario del nucleo Ismael Arencibia, sono i risultati che ottiene la CCS Filiberto González, di Sagua la Grande, un’entità che ottiene una buona resa di canne e ha differenziato le sue produzioni con coltivazioni come il riso e l’allevamento di bovini e di maiali.

Parlando della produzione di zucchero, Pedro Raúl González, della UBPC Santa Rita, di Corralillo, ha sottolineato che nonostante il raccolto è stato prodotto più zucchero a Villa Clara e che questo si vince sul campo, facendo allusione alla scarsa resa di canne da zucchero di alcune entità.

Julio Lima Corzo, ratificato come primo segretario del Comitato Provinciale del Partito a Villa Clara, ha detto che in questo, come in qualsiasi altro settore dell’ economia dei servizi, ogni volta che un problema o una mancanza vengono affrontati, risulta che esistono un fattore soggettivo e la mancanza d’impegno di alcuni, motivati tra i vari motivi dal debole lavoro del nucleo in questo luogo

Sostenendo questa idea e riferendosi al lavoro di formazione delle nuove generazioni, Gerardo Águila, segretario di un nucleo di zona a Manicaragua, ha detto che nulla può essere estraneo al Partito ed ha negato che la gioventù “ha dei problemi”.

“Quando loro mancano è perchè è fallito il lavoro di organizzazione del Partito alla base e di coloro che dirigono nella comunità e non hanno saputo guidarli”, ha dichiarato il veterano che ha chiamato a riscattare l’attivismo che una volta si realizzava nei quartieri e nei centri di lavoro.

Alla conclusione dell’incontro, Jorge Cuevas Ramos, membro della Segreteria del Comitato Centrale del Partito, ha riconosciuto il potenziale economico e produttivo della provincia ed ha chiamato a rinforzare il ruolo che le corrisponde nell’organizzazione politica, per rendere concreta le realizzazione della politica tracciata dal VI Congresso del PCC.

“Il funzionamento del Partito non si può limitare da una mera riunione mensile”, ha detto ed ha insistito che è giunto il momento di terminare con i richiami d’attenzione che si devono sostituire con azioni energiche di fronte alle mancanze e ad una scarsa disciplina. (Traduzione GM – Granma Int. /Prima parte. )