ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’evento, dedicato quest’anno ai 500 anni dalla fondazione della settima città dell’Isola, Santiago di Cuba e ai 15 anni del progetto “Uomini che fanno sesso con altri uomini” (HSH).

Questo è un momento propizio per mostrare i risultati più recenti ottenuti nelle investigazioni relazionate alla mascolinità e la religione, ha detto Carlos Rodríguez, medico della Colombia e rappresentante del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (PNUD) nel suo paese, che partecipa per la terza occasione ed ha sostenuto che uno degli interessi della sua organizzazione è precisamente riconoscere l’Uomo come il maggior ente propenso alle malattie di trasmissione sessuale e specificatamente il VIH, e come possibile responsabile della violenza contro la donna.

Una campagna che si sviluppa ha la parola d’ordine “UNISCITI” ed è a favore della non violenza contro le donne.

Per tutto questo si deve valutare e determinare quali sono le principali cause, per frenare questo male che nel mondo intero si presenta con una forte percentuale di figure maschili e aiutare ad arrestare questa pratica.

I partecipanti di 10 paesi latinoamericani alzano le loro voci a favore del rispetto e dell’uguaglianza di genere e lo scambio multidisciplinare con specialisti di altri paesi, con la messa a fuoco di un’analisi socio-psicologica e la sua ripercussione sulla salute sessuale maschile, è uno dei propositi di questo XII Simposio Nazionale

di Mascolinità.

( Traduzione GM – Granma Int.)