ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Ramón Labañino ha inviato un abbraccio a Fidel Castro, leader storico della Rivoluzione cubana, ed ha detto che non c’era miglior situazione per celebrare sette mesi dal ritorno in Patria che essere accompagnati da una gioventù piena di ottimismo e di allegria.

“Voglio ringraziare eternamente per ogni idea, azione, marcia, sforzo quotidiano. I Cinque non ci stancheremo mai di ringraziare”, ha insistito.

“Il nostro richiamo principale alla gioventù cubana è che stia all’erta di fronte alle nuove sfide che si avvicinano. È urgente prepararsi alla battaglia nelle aree della comunicazione e dell’intelligenza”. “Questa è la battaglia di questi tempi”.

Antonio Guerrero (Tony), ha aggiunto che s’impone terminare questo Congresso con lo spirito di trasmettere tutto, non solo attraverso la parola ma anche con l’esempio. Oggi le sfide sono immense e ci si deve alzare tutte le mattine pensando a dove sta il dovere, Questo è quello che chiede la Rivoluzione”.

Tony ha definito la nostra gioventù come la migliore del mondo attuale ed ha insistito che il dovere dei delegati è comunicare al resto dei giovani cubani quello che è avvenuto nel Congresso della UJC.

Non possiamo dimenticare la nostra storia. L’eroe più grande che ha la Rivoluzione è colui che alza nel mezzo delle difficoltà, ogni giorno, a compiere il proprio dovere.

Gerardo Hernández ha segnalato il ruolo dei moncadisti e dei partecipanti alla spedizione del Granma, dicendo che: “Tutto quello che abbiamo fatto è stato seguire quell’esempio di sacrificio, il loro legato”.

Parlando ai giovani ha detto: “Voi oggi avete la vostra Moncada e il vostro Granma. Dipende da voi stessi identificarli. Siamo molto orgogliosi che la storia dimostri che i rivoluzionari cubani stanno nel lato corretto.

Avremo relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti senza aver ceduto nemmeno un pochino dei nostri principi. La storia dimostra che mantenendosi fedeli ai propri valori, la vittoria arriverà!”

“Ora siamo immersi in un processo che si doveva svolgere molto tempo fa e non mancheranno coloro che tenteranno di distruggerci per altre vie (…) cercheranno di distruggerci in ogni modo, ma dobbiamo tenere la mazza preparata.

(Traduzione GM - Granma Int.)