ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’Avana - 8 luglio del 2015

57º anno della Rivoluzione

Cari compagni:

Dopo aver compiuto l’onorevole missione che vi ha portato sino all’Africa occidentale sei mesi fa, con il rischio delle vostre stesse vite per combattere l’epidemia di Ebola che colpiva quel continente, siete ritornati nella Patria che vi ha ricevuto con il più grande orgoglio.

A nome del popolo cubano e mio, vi invio un riconoscimento per l’eroico lavoro realizzato come parte del Contingente Internazionale “Henry Reeve”.

Voi siete i continuatori dell’altruismo e del disinteresse personale che ha sempre caratterizzato la cooperazione dell’Isola, da quando s’iniziò nel 1963 con l’invio della prima Brigata in Algeria, con la guida dell’allora ministro di Salute Pubblica, compagno José Ramón Machado Ventura.

Durante tutti questi anni, 158 paesi hanno potuto contare sul lavoro solidale di 325.710 collaboratori cubani.

Oggi la nostra medicina è presente in 68 nazioni con più di 50.000 professionisti della salute, una realtà che sintetizza i genuini valori che la Rivoluzione ha coltivato.

L’aiuto offerto da ognuno dei collaboratori dell’ esercito dei camici bianchi, si erige come un paradigma immortale.

Sono significativi i risultati che voi avete ottenuto nell’assistenza medica dei malati per l’epidemia di Ebola, con più di 400 vite salvate e un tasso di mortalità generale del 24.4% mostrando la preparazione raggiunta, la dedizione e la volontà nel lavoro, aspetti che sono stati riconosciuti dagli stessi governi e dagli organismi internazionali.

Ricevete ancora una volta le nostre felicitazioni e un forte abbraccio.

( Traduzione GM – Granma Int.)

Raúl Castro Ruz