ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Archivo

Carlo Calenda ha parlato di una nuova fase di relazioni commerciali con l’Isola precisamente sulla base del rispetto mutuo, con l’inaugurazione del Forum che accoglie 150 imprenditori italiani e la loro controparte locale.

Nel suo intervento ha espresso l’interesse di partecipare all’attuale processo di cambio in Cuba e in particolare sulla possibilità di trasmettere le esperienze delle piccole e medie industrie italiane, cosa che si può sviluppare in maniera congiunta, ha sostenuto.

Alla guida di una numerosa delegazione di imprenditori, Calenda ha insistito sulla realizzazione di una maggior partecipazione nel mercato cubano, partendo dalle facilità offerte per gli investimenti del capitale straniero dopo l’approvazione della nuova Legge per l’Investimento straniero e un ventaglio d’opportunità di affari con l’Isola.

Il vice segretario ai Temi esteri e la Cooperazione internazionale, Mario Giro, ha segnalato la storica presenza di entità italiane, marcata dalla fedeltà anche in momenti difficili.

Giro ha segnalato che il presente lo rappresenta il più numeroso gruppo di imprenditori italiani che visita Cuba, una mostra dell’impegno di rinforzare gli attuali e futuri vincoli economici con ampi progetti perchè, ha indicato, gli investimenti di capitale hanno l’obiettivo di contribuire allo sviluppo del modello cubano.

Nella giornata inaugurale del Forum, le istituzioni bancarie italiane SACE e Intesa San Paolo hanno firmato un accordo per 80 milioni di euro relativi a carte di credito emesse per appoggiare gli italiani presenti nel mercato dell’Isola.

La vice ministra del Commercio Estero e l’Investimento Straniero, Ileana Núñez, ha ricordato che l’Italia si è mantenuta negli ultimi anni tra i primi dieci soci commerciali di Cuba, il secondo in ambito europeo, ed occupa il secondo posto tra le nazioni europee per il numero di succursali stabilite a Cuba.

Queste posizioni mettono in evidenza che le imprese dei due paesi sono riuscite ad identificare opportunità d’affari reciprocamente vantaggiosi e le molteplici possibilità di lavoro congiunto e di credito che facilitano una miglior inserzione nei rispettivi mercati.

L’agenda dell’incontro ha compreso tavoli di lavoro per settori tra le due delegazioni, per conoscere interessi, offerte e opportunità che ogni parte mette a disposizione nelle relazioni bilaterali.

(Traduzione GM - Granma Int.)