ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Con la presentazione dello sviluppo clinico di una vaccino terapeutico cubano contro il cancro della prostata, è stata aperta a Camagüey la VII edizione del Forum Tecnologico Speciale di Biotecnologia.

Jesús Junco, dottore del centro d’ingegneria genetica e biotecnologia di Camagüey, ha spiegato che il vaccino utilizza il Heberprovac come principio attivo e che attualmente si prepara la terza fase del suo saggio clinico.

“La prima tappa d’implementazione, ha precisato, è iniziata con otto pazienti camagueiani d’età tra 18 e 81 anni, sofferenti di un cancro avanzato.

Dopo il trattamento, consistente in sette iniezioni, erano state confermate la sicurezza e l’efficacia del vaccino, dato che i livelli di testosterone si erano ridotti notevolmente, sino a raggiungere indici di castrazione, stabilendo indici sierologici normali.

Questo aveva propiziato la socializzazione del trattamento, in collaborazione con l’Ospedale Vladimir Ilich Lenin, di Holguín, che si era concluso nel 2013 con risultati soddisfacenti. Attualmente si prevede d’includere il trattamento per la nuova fase nelle province di Santiago di Cuba, Guantánamo, Matanzas e L’Avana.

Hanno partecipato all’incontro sii dei medici di Holguin che facevano parte della brigata che ha combattuto contro l’Ebola in Africa occidentale ed hanno condiviso le loro esperienze in questo lavoro umanitario.

Nella giornata è stata inaugurata un’esposizione con le relazioni sul comportamento del controllo di qualità della droga secca per l’elaborazione dei fitofarmaci, e la valutazione dell’ efficacia del Heberfrón nei pazienti con carcinoma vaso-cellulare.

Auspicato dal Consiglio dell’Amministrazione Provinciale e dal Centro d’immunologia e bio preparati, l’incontro ha contato sulla partecipazione di istituzioni come il gruppo d’imprese LABIOFAM e la delegazione territoriale del Ministero di Scienza, Tecnologia e Ambiente. (Traduzione GM - Granma Int.)