ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Dubai, 16 gennaio del 2015

Caro Fidel:

Lo scorso 11 gennaio sono partito da L’Avana con la felicità di sapere che stavi bene e con l’orgoglio d’essere il portatore, ancora una volta, del tuo messaggio, della tua eterna amicizia e della tua preoccupazione per i problemi del mondo.

Era la porzione di allegria che mi mancava per completare l’inizio della seconda stagione del programma De Zurda, di TeleSur che a L’Avana ha avuto un avvio speciale verso la Coppa America in Cile.

Dato che sono un testimone eccezionale delle tue preoccupazioni, perchè il Venezuela possa continuare il cammino vittorioso che ha tracciato quell’altro gigante amico nostro, l’indimenticabile Comandante Chávez, ti faccio sapere che il prossimo 28 febbraio e il 1º marzo “De Zurda viajero” sarà diffuso da Caracas, in Venezuela, e sicuramente saranno due programmi molto emozionanti nei quali non parlerò solo di calcio.

Fidel, se ho imparato qualcosa con te in tutti questi anni di sincera e bella amicizia, è che la lealtà non ha prezzo, che un amico vale più di tutto l’oro del mondo e che le idee non si negoziano. Per questo De Zurda è un omaggio alla nostra amicizia.

Abituato ai tuoi goal storici, ho voluto ringraziarti per la lettera che mi ha fatto portavoce della tua felice esistenza.

È passato più di un mese e sono molte le persone interessate, che vorrebbero sapere il contenuto di quella lettera.

Con la gentilezza che ti caratterizza, ti eri assicurato che sarebbe divenuta pubblica solo se io lo decidevo. Non solo voglio che si conosca il contenuto, ma voglio anche che si condivida con tutti la mia risposta.

Con un forte abbraccio, Comandante amico,

Diego Armando Maradona ( Traduzione Gioia Minuti).