ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Donald Trump. Photo: EFE

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato, sabato 20, che considera terminato il Trattato delle Forze Nucleari di Rango Intermedio (INF, la sigla in inglese) con la Russia.

Il mandatario statunitense ha deciso di rompere l’accordo firmato nel 1987 con la motivazione che Mosca ha violato l’accordo per anni e che gli Stati Uniti necessitano sviluppare armi proibite nel trattato.

«La Russia sta violando l’accordo, lo sta facendo da molti anni e non so perchè l’ex presidente (Barack) Obama non ha mantenuto negoziati, nè ne era uscito», ha indicato il mandatario al termine di un miting nello stato del Nevada.

Trump ha risaltato che tra le presunte violazioni del Governo di Vladimr Putin al trattato che mantengono in comune da circa 30 anni, c’è il nuovo missile da crociera sviluppato recentemente.

«Non permetteremo che loro violino un accordo nucleare, costruiscano armi e non permettano a noi di farlo. Noi siamo quelli che hanno rispettato l’accordo, lo abbiamo rispettato, ma sfortunatamente la Russia non lo ha rispettato, per cui lo annulleremo e lo ritireremo, ha sostenuto il primo mandatario degli Stati Uniti.

Poi ha aggiunto che, a meno che la Russia venga da noi e la Cina venga da noi e tutti vengano da noi e dicano : “Siamo intelligenti, non sviluppiamo queste armi, gli Stati Uniti costruiranno queste armi proibite».

«Ma se Russia lo sta facendo e se la Cina lo sta facendo è inaccettabile che noi si aderisca all’accordo». *(RHC/GM - Granma Int.)