ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il viso del Che in un murale a Napoli, opera dell’artista Jorit Agoch. Photo: Cubadebate

In 40 giorni l’artista italiano dei graffiti  Jorit Agoch, di Napoli, ha dipinto un enorme murale sulle pareti di due edifici di dieci piani  nel  quartiere di San Giovanni a Teduccio, nella sua città  natale.
L’opera mostra il viso di Che Guevara.
Questo è il murale «più grande del mondo» eseguito per ritrarre Che Guevara, ha detto l’artista e lo si può vedere in questi giorni in cui si ricorda un nuovo anniversario della morte del Guerrigliero Eroico e s celebra il 90º anno dalla sua nascita.
L’artista ha aggiunto che: «prima della mia, l’opera più grande con Che Guevara era quella di Cuba, in Piazza della Rivoluzione, a L’Avana. Credo che  Che Guevara sia un esempio di umanità e sacrificio verso gli altri e per me è un’icona della lotta».
Il murale su Che Guevara è il suo ultimo lavoro. Nel luglio scorso l’artista era stato arrestato dai soldati d’Israele in Cisgiordania per aver dipinto un murale con il viso di  Ahed Tamimi, la giovane attivista palestinese di 17 anni, detenuta dal regime israeliano Nello stesso edificio appaiono altri due murali, uno con il ritratto di Diego Armando Maradona, e un altro con quello di  Niccolò, un bambino  autista.
(GM – Granma Int.)