Il Governo Colombiano ha sospeso i dialoghi di pace con il ELN › Esteri › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il presidente della Colombia Photo: Prensa Latina

BOGOTÁ.— Il governo della Colombia  ha sospeso suspendió ieri, lunedì 29, i negoziati con l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), dopo gli attentati a  tre stazioni di polizia nel paese.
«Ho preso questa  decisione di sospendere l’installazione del quinto ciclo di
conversazioni che era  previsto per i prossimi giorni, sino a che non si vedrà  coerenza da parte del ELN tra le sue parole e le sue azioni », ha annunciato il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos.
Dal  dipartimento di Cundinamarca, il mandatario ha aggiunto che : «I fatti sono duri e i negoziati non proseguiranno sino a che il  ELN  renda  compatibile la sua condotta con l’esigenza di pace del popolo  colombiano e della comunità internazionale».
La dichiarazione del capo di Stato è stata rilasciata durante una manifestazione di consegna di proprietà di terre a famiglie che hanno sofferto la violenza nel municipio  La Palma, d Cundinamarca.
Santos ha assicurato che continuerà a lavorare per la costruzione della pace sino all’ultimo giorno del suo governo e della sua vita ed ha indicato che ha reiterato alla forza pubblica che dovrà compiere il suo dovere con la massima determinazione.
Ieri lunedì 29, il  ministro della Difesa, Luis Carlos Villegas, ha detto che il
ELN è responsabile degli attacchi del fine settimana a installazioni della polizia delle città di Barranquilla, Soledad e Santa Rosa, con un saldo di sette morti e più di 40 feriti. Sino al momento non ci sono state dichiarazioni della delegazione del ELN nella capitale dell’Ecuador. ( Traduzione GM – Granma Int.)