Il Presidente palestinese chiede una revisione degli accordi con Israele › Esteri › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Mahmoud Abbas. Photo: AP

Ramallah.–Il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, ha chiamato a rivedere gli accordi realizzati sino ad ora tra l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) e il governo d’Israele.

Durante un intervento nel Consiglio Centrale della OLP riunito da domenica 14 a Ramallah, lo statista ha detto: «Che si prenderà questa decisione considerando che con le sue azioni Israele ha portato questi accordi di Oslo a un vicolo senza uscita».

InoltreAbbas ha assicurato che la OPL parteciperà a qualsiasi conversazione di pace seria con gli auspici delle Nazioni Unite per porre fine all’occupazione.

«In questi possibili futuri sforzi i palestinesi non accetteranno gli Stati Uniti come mediatori, dopo che Washington ha riconosciuto di recente Gerusalemme come capitale d’Israele», ha detto ancora.

«Noi continueremo a cercare giustizia nei forum internazionali e nella Corte Penale Internazionale, mentre continuano gli sforzi per ottenere la nomina a membro pieno delle Nazioni Unite e conituano gli sforzi per unirci a centinaia di convezioni e accordi ».

Nel suo discorso Abbas ha chiamato il Consiglio ad appoggiare la resistenza pacifica che ha considerato la migliore maniera di porre fine all’occupazione israeliana, mentre si è mostrato contrario alla sospensione del pagamento alle famiglie dei palestinesi morti in azione o prigionieri di Tel Aviv, come domandano gli Stati Uniti e Israele ( Traduzione GM - Granma Int.)