ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Città del Guatemala.–Il presidente Jimmy Morales ha appena annunciato che il Guatemale si dispone a trasferire la sua ambasciata in Israele nella città di Gerusalemme, imitando gli Stati Uniti e contro la decisione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che hanno condannato la misura presa dal presidente Donald Trump.
La scorsa settimana 128 paesi del mondo si sono sommati in stragrande maggioranza contro il riconoscimento statunitense di Gerusalemme come capitale di Israele.
Il Guatemala è stato uno degli otto paesi che hanno appoggiato  Washington.
Altri 56 si sono astenuti o non hanno partecipato alla votazione.
Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha condannato la decisione del Guatemala.
«Lamentiamo che alcuni governi vendano la propria dignità  all’impero per non perdere le briciole della Usaid (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale )», ha dichiarato il mandatario nella rete sociale.
Il portavoce di EFE, Xavier Abu Eid, ha informato che il segretario generale dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Saeb Erekat, ha condannato l’annuncio della nazione centro americana.
Erekat ha aggiunto che il presidente del Guatemala ha fatto il suo annuncio la vigilia di Natale «senza nemmeno considerare la voce di Papa Francisco o delle chiese di Gerusalemme che si sono opposte fortemente a questa azione illegale promossa dal presidente Trump. ( Traduzione GM – Granma Int.)