ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Zona di Pace

La dichiarazione del VI Vertice riafferma il Proclama dell’America Latina e i Caraibi come Zona di Pace, firmato a L’Avana nel gennaio del 2014, che riconosce tra l’altro il diritto assoluto di ogni Stato d’eleggere il suo sistema politico, economico, sociale e culturale.

• C’ impegniamo ad offrire il nostro totale appoggio alla sovranità, l’integrazione territoriale, l’autodeterminazione e la non ingerenza nei temi interni di ogni paese, precisa il testo.

• Riafferma inoltre che la preservazione e il consolidamento della CELAC come fórum per il dialogo e come attore politico internazionale è una priorità.

• I mandatari reclamiamo anche la fine del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba e in particolare il suo carattere extra territoriale e la persecuzione finanziaria contro le transazioni cubane, la cui severità si è incrementata.

Cooperazione

• Riaffermiamo il nostro impegno di continuare a fomentare l’applicazione di progetti per migliorare l’infrastruttura e la connessione aerea e marittima tra i nostri paesi, rinforzare la nostra capacità di riduzione dei rischi dei disastri, promuovere l’integrazione energetica regionale e ampliare le nostre relazioni economiche e commerciali, si legge nel testo accordato in comune.  

• Il presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri di Cuba, Raúl Castro, ha riferito nel suo discorso che  1.762 collaboratori cubani sono presenti in tutti i paesi della  Caricom, e tra loro 1.469 nel settore della salute.

• Continueremo a a ricevere studenti dei Caraibi nelle nostre università», ha assicurato il generale d’Esercito nel suo discorso inaugurale.
In accordo con il Presidente cubano, 5.432  giovani dei Caraibi si sono formati in Cuba e 723 stanno studiando attualmente.

Prevenzione dei disastri

• È stato firmato un memorandum d’intesa tra la Difesa Civile di Cuba e l’Agenzia Caraibica per il Maneggio dei Disastri e le Emergenze (Cdema, la sua sigla in inglese).

•Cuba conta su un Piano di Stato  chiamato «Tarea Vida» ( Impegno vita), il cui obiettivo è mitigare gli effetti del cambio climatico nel territorio nazionale.

• La dichiarazione finale chiama a continuare a dare forza alla cooperazione per la protezione dell’ambiente e l’uso sostenibile delle nostre risorse, in particolare quelle del Mare dei Caraibi.

 •Inoltre accoglie positivamente l’adozione dell’Accordo di Parigi contro il cambio climático e richiama alla sua piena implementazione, prendendo come base il principio delle responsabilità comuni, ma differenziate.

Turismo

• È stato firmato un memorandum d’intesa per potenziare il turismo multi-destino nella regione.

•L’accordo è una scommessa, perchè la promozione delle destinazioni di vari paesi può essere una strategia efficiente, attraente ed economicamente interessante per attrarre i visitatori, soprattutto dei mercati portatori di turismo da lunghe distanze, che vogliono arricchire l’esperienza delle loro vacanze.

• Riconosce la promozione del turismo sostenibile come uno degli elementi
fondamentali per la crescita economica della regione dei Caraibi.

• La regione ha un potenziale turistico superiore ai 25 milioni di visitatori.

Commercio

•La dichiarazione segnala l’importanza dell’implementazione del Secondo Protocollo dell’Accordo del Commercio e la Cooperazione Bilaterale.

• L’accordo amplia le facilitazioni per le imposte concesse da Cuba, che facilitano l’accesso di circa 30 prodotti cubani nel mercato regionale.

 • Tra il 2014 e il 2016, in accordo con le cifre ufficiali, lo scambio commerciale tra Caricom e Cuba è aumentato del 70%.