ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Terremoto in Iran Photo: Reuters

Il presidente dell’Iran, Hasan Rohani, ha promesso il massimo appoggio ai danneggiati dal terremoto forza 7,2 nella scala Richter, che ha fatto tremare la  provincia di Kermanshanh ed ha provocato gravi danni alle popolazioni di   Ghasr Shirin, Sarpul, Azgale, in Iran ed ha anche colpito il vicino Irak, ha segnalato Telesur.
Dall’inizio di questo doloroso disastro (…) sono stati dati ordini per aiutare nel riscatto dei feriti e il primo vicepresidente si è anche incaricato di mobilitare tutte le installazioni e le risorse del paese in istituzioni pubbliche, militari e ONG in questa direzione, ha segnalato il mandatario con un comunicato.
In questo modo il presidente ha indicato che è imperativo che tutti gli organismi responsabili e di soccorso in queste province, e nelle vicine, lavorino insieme in piena collaborazione, per utilizzare tutte le installazioni disponibili e offrire soccorso, alloggio e assistenza ai feriti.
Sino ad ora le autorità hanno riportato 330 persone morte e circa 5.000 feriti,  per cui il presidente del paese ha espresso la sua solidarietà ed ha invocato la misericordia di Dio Onnipotente per coloro che hanno perso la vita, il pronto recupero dei feriti, la pazienza e la salute per quei compagni iraniani che hanno perso i loro cari.
Il Governo starà a lato dei danneggiati usando tutte le sue capacità a livello nazionale e provinciale, ha terminato il presidente Rohani nel suo comunicato.
Il leader supremo dell’Iran, l’ayatollà Ali Jameneí, ha chiamato i corpi di sicurezza per accelerare i compiti di riscatto e ritiro  delle macerie dopo il forte terremoto.
Il dirigente iraniano ha espresso le sue condoglianze ed ha ordinato l’implicazione nei lavori di ricerca dell’Esercito, dei Guardiani della Rivoluzione e della Forza dei Volontari islamici Basij.
Jameneí  ha detto che tutte le capacità della nazione si devono usare rapidamente per evitare un aumento del numero dei morti nell’ovest dell’Iran ( Traduzione GM – Granma Int.)