ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Prensa Latina

Rappresentanti di Cuba hanno esposto a Parigi, la capitale francese, i passi avanti della nazione dei Caraibi nell’industria biotecnologica, con prodotti di alta qualità presenti in mezzo centinaio di paesi.

Il direttore allo Sviluppo Commerciale del Centro d’Ingegneria Genetica e Biotecnologia (CIGB), Merardo Pujol e la gerente alle Vendite, Judith Yaech, hanno realizzato un’estesa presentazione sul tema durante un incontro organizzato dal Movimento delle Imprese di Francia e l’Ambasciata de L’Avana in questa nazione europea, ha informato Prensa Latina.

I due specialisti hanno sottolineato che l’attività del CIGB si dirige a garantire medicinali e prodotti che aiutano a migliorare la qualità di vita della popolazione cubana e che questa è una priorità per il Governo.

Il lavoro si sviluppa con un modello di ciclo completo che implica l’integrazione delle istituzioni dedicate alle tappe delle investigazioni, lo sviluppo, la produzione e il commercio.

Pujol ha detto che la presentazione in Francia forma parte della nuova strategia del CIBG indirizzata a potenziare la su proiezione internazionale.

Abbiamo un portafogli di progetti nuovi di carattere innovatore alto e molto competitivo che può dare risposte a problemi di salute che danneggiano principalmente i paesi del Primo Mondo, ha segnalato.

Come conseguenza l’oggetto è giungere nel mercato e per questo è necessario stabilire associazioni con imprese di queste nazioni.

In accordo con lo specialista cubano, questo tipo di accordi ci permetteranno di portare i prodotti nei paesi, realizzarvi le prove cliniche necessarie per dimostrare la loro efficacia, fare la registrazione commerciale e quindi stabilire le reti di distribuzione.

Pujol ha spiegato che: “Si tratta di un forte impegno, considerando l’elevata concorrenza negli Stati più sviluppati, ma abbiamo prodotti di qualità e con molta potenzialità”, ha affermato.

Durante l’incontro i rappresentanti di numerose imprese francesi si sono interessati alle proposte cubane e alle vie per stabilire vincoli con il CIGB e in generale le istituzioni che formano parte dell’organizzazione delle imprese Biocubafarma.

Gli specialisti hanno spiegato che la biotecnologia è uno dei temi che hanno priorità tra quelli che fanno parte del ventaglio degli affari di Cuba, con la protezione della Legge dell’Investimento straniero.

Uno dei prodotti che ha suscitato una particolare attenzione è stato il Heberprot-P per il trattamento dell’ulcera del piede diabetico, che permette di evitare le amputazioni in un’alta percentuale di casi.

Più di 200.000 pazienti sono stati trattati con questo medicinale in Cuba e in altri paesi con risultati molto positivi. (PL/Traduzione GM - Granma Int.)