ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

PANAMA - Con un minuto di silenzio, i partecipanti alla XXXII Assemblea Generale del Parlamento Latinoamericano e Caraibico (Parlatino), con sede a Città di Panama, hanno reso omaggio al leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro.
In una dichiarazione a Prensa Latina, la presidente alterna dell’organo legislativo, Gabriela Rivadeneira,  ha assicurato che per la sua generazione la morte di questo grande uomo è stata dolorosa: “perché  crediamo negli esseri che hanno rotto con tutti i miti, paradigmi e stereotipi che hanno marcato le nuove forme della politica”.
“Molte volte pensiamo che sono immortali ed eterni e quando avvengono queste perdite, realmente è doloroso e restiamo come orfani, ma sappiamo anche che se ne vanno fisicamente, ma ci lasciano un legato che va trasmesso da generazione in generazione”, ha segnalato.
La presidente del Parlamento ecuadoriano  ha ricordato che migliaia di latinoamericani devono ringraziare Fidel e Cuba per l’educazione ricevuta  grazie al sistema dell’Isola, che nei nostri paesi abbiamo centinaia di dottori e specialisti cubani che salvano la vita alla nostra stessa gente.
“Il nostro Comandante lascia un legato di sovranità e di dignità che come abbiamo imparato da lui non si negoziano, non sono in vendita, non hanno prezzo”, ha dichiarato.
Rivadeneira, che martedì 6 ha reso omaggio “al nostro caro Fidel” in Piazza della Rivoluzione a L’Avana, come parte della delegazione ecuadoriana, ha detto di sentirsi meravigliata per la quantità di gente che è andata a salutare ilpadre della Rivoluzione cubana,  ha detto che queste sono cose che non si possono cancellare nonostante le meschinità e le violenze di certa gente che non comprende il momento delle rivoluzioni.
“Noi continueremo a promuovere la parola di Fidel, così come abbiamo promosso le lotte di Simón Bolívar, José Martí, Eloy Alfaro e tanti uomini donne che sono parte della liberazione dell’America Latina e dei Caraibi, per far sì che i nostri figli e le future generazioni non dimentichino mai qual’è stata la nostra storia e chi sono stati gli uomini che sono riusciti a far sì che i nostri paesi possano finalmente pensare che il sogno della libertà è realtà”, ha dichiarato ancora . ( Traduzione GM  -Granma int.)