ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Alex Castro

L’Avana.- La Casa dell’Alba Culturale realizza un programma di attività in omaggio al leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, per il primo anniversario della sua scomparsa fisica.
Nella sala principale si può ammirare l’esposizione fotográfica “Chávez e Fidel, lealtà infinita”, che raccoglie  importanti momenti della profonda amicizia tra i due leaders nella lotta per l’indipendenza e l’integrazione dei popoli.
La mostra comprende 20 istantanee di grande misura che raccolgono in una ridotta sintesi il lavoro di due uomini che hanno unito i loro popoli per farli grandi, due storie e lo stesso principio e destino, la lealtà e l’immortalità.
L’istituzione culturale accoglie anche la presentazione dello spazio audiovisivo “Fidel tra di Noi”, con interviste all’eroe della Repubblica Gerardo Hernández, alla giornalista  Katiuska Blanco e al cantautore Vicente Feliú, che parlano delle loro relazioni con il Comandante in Capo e di come divennero fidelisti.
Il programma degli omaggi comprende la conferenza “La guida di Fidel nella Crisi di Ottobre”, offerta dal dottor Eugenio Suárez, direttore  dell’ Ufficio dei Temi Storici del Consiglio di Stato, ieri martedì 21.
Oggi ci sarà la presentazione del Libro “Quando sono diventata fidelista”, di Eloísa Carreras, e domani s’inaugurerà la mostra “Nove giorni”, del pittore  Maykel Muiño.
Betsy Rojas, direttrice  della Casa dell’Alba, ha detto che ognuna di queste attività serve per far risaltare il ruolo integratore di Fidel e del suo contributo allo sviluppo dell’Alternativa Bolivariana per i Popoli di Nuestra America.
Questa istituzione  della capitale è stata fondata il 13 dicembre del 2009 con l’obiettivo di promuovere il meglio della creazione artistica e intellettuale, il patrimonio socio-culturale e la conoscenza della storia latinoamericana e caraibica. ( Traduzione GM - Granma Int.)