ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Mercoledì 2 maggio è iniziato l’incontro internazionale di solidarietà con Cuba. Photo: Prensa Latina

Con la presenza di circa mille attivisti sindacali di tutto il mondo, mercoledì  2 maggio è cominciato nel Palazzo delle Convenzioni l’Incontro Internazionale di solidarietà con Cuba.
Rappresentanti di 241 organizzazioni sociali di 66 paesi  hanno alzato le voci nell’incontro per ratificare il loro appoggio alla nazione dei Caraibi, reclamando l’eliminazione del blocco imposto dagli Stati Uniti da quasi 60 anni.
Inoltre hanno reclamato la restituzione del territorio cubano occupato da una base navale nordamericana nell’orientale provincia di  Guantánamo.
Durante l’apertura, Ulises Guilarte de Nacimiento, segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba  e Ana Teresita González, viceministro delle Relazioni Estere,  hanno riaffermato l’appoggio dell’Isola a Venezuela, Brasile, Siria e Nicaragua e alle cause  come quella dei popoli palestinese e  saharaui.
Ana Teresita González  ha illustrato  le relazioni internazionali con Cuba sottolineando  i vincoli con gli Stati Uniti sotto il mandato di Donald Trump.
L’incontro che si è concluso nella stessa giornata si realizza tradizionalmente dopo il 1º maggio, Giorno Internazionale dei Lavoratori, nel quale ogni anno la maggioranza dei delegati sfila con il popolo cubano in Piazza della Rivoluzione  José Martí, nella  capitale. (PL/ GM – Granma Int.)