ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Archivo

In saluto al 60º anniversario del Congresso Contadino in Armi, l’Associazione Nazionale dei Piccoli Agricoltori (ANAP) progetta il suo piano d’attività da sviluppare in tre tappe prima del 21 settembre del 2018.
L’amplio programma di attività celebra il memorabile Congresso Contadino in Armi, in cui l’allora comandante Raúl Castro, capo del Secondo Fronte,  disse nelle parole di chiusura: «In questi momenti, in questa tappa storica nella quale viviamo, senza Riforma Agraria non si può avere la Rivoluzione Cubana  e qui forse non ci rendiamo contro della grandezza di questa azione, perchè in questi momenti, nel giorno di oggi, sta cominciando sta iniziando, sta nascendo la Rivolzione Agraria che getterà le basi della vera Rivoluzione Cubana.  
Il primo ciclo di attività compreso tra il 21 settemebre del 2017 e il primo gennaio del 2018 avrà il programma previsto per la seconda tappa e finalmente la terza tappa si svolgerà dal 17 maggio al 21 settembre, in saluto al 60º anniversario del Congresso Contadino in Armi.
Tra queste date si svolgeranno festivals provinciali di circoli d’interesse, seminari di agroecologia e del movimento  cooperativo gestito dal gruppo di imprese  Azcuba, e Le clebrazioni della manifestazione per l’inizio  della campagna del tabacco  a Pinar del Río.
«Questo piano di attività si estenderà per tutto l’anno 2018 perchè ha anche l’obiettivo di salutare  il 60º anniversario del trionfo della Rivoluzione, e dare vitalità ai  principali propositi e agli impegni dell’istituzione.
S’incorporano allo stesso gli orientamenti relazionati  al processo di recupero dei territori più danneggiati dal ciclone, dopo la convocazione del Generale d’ Esercito dello scorso 11 settembre»,  ha segnalato  Rafael Santiesteban Pozo, presidente nazionale della ANAP.
Il membro del Consiglio di Stato ha aggiunto che dalla base è stata studiata  una strategia per dare risposte ai danni sofferti dal settore per il passaggio dall’uragano Irma.
«Dobbiamo recuperare le installazioni partendo dalle case danneggiate e in
generale, dalle infrastrutture delle  cooperative e comunità contadine e si sta valutando il riordino della dinamica per la campagna del freddo ».
Con il  lemma Fermezza, continuità e vittoria, la ANAP ha esortato con un  programma di attività a rinforzare la certezza politica per elevare i volumi di produzione di alimenti per il popolo in quantità e assortimento.