ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Diaz-Canel ha parlato con dirigenti e lavoratori dello zuccherificio Majibacoa.

Las Tunas – “ Oggi è imprescindibile vincolare il pensiero di Fidel ai processi d’insegnamento in tutte le loro modalità”, ha detto in questo territorio il primo vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, in un incontro con l’obiettivo di valutare la marcia del presente anno scolastico.
Il membro del  Buró Político, si è interessato agli aspetti relazionati alla disponibilità della tecnologia a livello scientifico dei mastri e dei professori e alla situazione della base materiale di studio.
Inoltre ha conosciuto i dettagli sulla copertura docente e le alternative in funzione di coprire le necessità esistenti in questo  settore particolare.
Poi ha segnalato che Las tunas si può catalogare come una delle province dell’Isola con le migliori possibilità di soluzione per questo problema.  
Dopo il processo d’integrazione, l’Università del Balcone d’oriente ha consolidato il suo ruolo nella formazione di professionisti per i settori prioritari nel territorio.
Questa istituzione con le sue filiali municipali. ha 5.800 studenti iscritti, tra il corso regolare diurno, i corsi per incontro e l’educazione a distanza. Questi e altri elementi sono parsi d’interesse al primo vicepresidente cubano, che ha segnalato l’interazione che devono mantenere le case di alti studi con la comunità e la partecipazione degli studenti ai programmi d’impatto sociale.
L’insegnamento artistico, la formazione di professionisti delle scienze mediche e l’attenzione del Inder ai centri vincolati ai settori, sono statia altri aspetti analizzati in generale.
Si notano passi avanti facendo paragoni con il passato periodo scolastico, soprattutto in relazione con le indispensabili specializzazioni che richiedono queste modalità di studio.
Uno spazio importante è stato dedicato alla segnalazione del protagonismo delle organizzazioni studentesche nelle congiunture che ha vissuto il paese.
La condanna dei giovani ai piani sovversivi, al blocco economico e, di recente, le loro manifestazioni di massa, di patriottismo e  d’impegno dopo la morte dell’ eterno leader della Rivoluzione, sono state definite da Diaz Canel un motivo di orgoglio e soddisfazione.
L’opera del  Comandante deve restare tra noi. La frase “Io sono Fidel”, dev’essere una realtà nel nostro agire quotidiano e per le nuove generazioni assume un maggior significato.
Ai giovani tocca difendere la Rivoluzione nel mezzo di un mondo complesso e avverso. Fidel sarà il nostro simbolo di Unità.
Dopo questo incontro il primo vicepresidente dei Consigli di Stato  e dei Ministri, accompagnato dal membro del Comitato Centrale del Partito e primo segretario nella provincia, Ariel Santana Santiesteban e da Lilian González Rodríguez, presidente dell’Assemblea Provinciale del Potere Popolare,  ha apprezzato la marcia nel territorio del raccolto delle canne da zucchero, durante un percorso per le aree dello zuccherificio Majibacoa. ( Traduzione GM – Granma Int.)