ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Distinti invitati.

Lavoratrici e lavoratori.

La classe operaia cubana , con tutto il nostro popolo ha forti ragioni e argomenti per festeggiare con allegria il Giorno Internazionale dei Lavoratori.

In forma compatta, combattiva e piena di colori rappresentando i loro sindacati, colonne di lavoratori, operai, intellettuali, studenti e combattenti, marciano per le piazze e i viali di tutto il paese trasmettendo al mondo il più genuino messaggio di unità, impegno e sostegno della maggioranza del popolo cubano, attorno alla sua Rivoluzione socialista, al Partito, a Fidel e a Raúl.

Photo: Ricardo López Hevia

Ci riempie d’infinito orgoglio che in un giorno come oggi, in cui rendiamo omaggio a Lázaro Peña, Jesús Menéndez, Aracelio Iglesias e ad altri leaders operai, sono con noi i Cinque Eroi della Repubblica di Cuba, Gerardo, Ramón, Antonio, Fernando e René, con i rappresentanti del personale medico che ha affrontato l’epidemia di Ebola in Africa, esempi eloquenti tra gli altri di coloro che rappresentano le convinzioni, la fermezza, la volontà e la fedeltà alla Patria.

Rivoluzione è il senso del momento storico, ha detto il compagno Fidel in questa Piazza esattamente 15 anni fa. Lui allora definì per oggi, e per tutti i tempi, il suo concetto, già nostro, di Rivoluzione e questa mobilitazione popolare è la più chiara mostra del fatto che siamo milioni di cubane e di cubani disposti a difendere l’opera di giustizia e dignità che abbiamo creato e a dare quello che è necessario per continuare a perfezionarla, al prezzo che sarà necessario.

Lavoratori:

La battaglia nel terreno economico e produttivo continua ad essere la priorità del movimento sindacale e i lavoratori sono protagonisti delle trasformazioni che si realizzano nel riordino degli organismi dell’amministrazione centrale dello Stato, nel rafforzamento e lo sviluppo dell’impresa statale socialista e in particolare nell’incremento e la diversità delle forme di gestione non statali.

Compatrioti:

Celebriamo questa festa del proletariato mondiale, in un contesto internazionale preceduto da intense giornate di lotta; le nostre armi sono state il rispetto dei principi, la combattività, la resistenza, lo spirito di giustizia e solidarietà, la cultura e le idee che ha forgiato la Rivoluzione in cinque decenni.

Cuba ha brillato con luce propria nel VII Vertice delle Americhe e dei Popoli a Panama. Il messaggio vibrante, trascendente e forte del nostro Presidente ha esposto davanti all’America e al mondo la verità della Rivoluzione, rappresentata inoltre da un centinaio di figli legittimi, molti giovani che si sono fatti notare per la fermezza dei loro argomenti e le loro convinzioni, con cui l’hanno difesa dai mercenari e dai senza Patria.

In uno scenario politico caratterizzato dal riconoscimento del governo degli Stati Uniti del fallimento della loro politica d’ingerenza, aggressione e blocco contro l’Isola, sono stati fatti alcuni passi per ristabilire le relazioni diplomatiche tra Cuba e gli Stati Uniti.

Ma ci resta un lungo e difficile cammino da percorrere e avanzeremo solamente verso la normalità dei vincoli bilaterali sulla base del rispetto, della sovranità e indipendenza di Cuba e questo implica l’eliminazione del blocco e la restituzione del territorio usurpato della Base Navale di Guantánamo.

Compagne e compagni:

Nel mezzo della battaglia emisferica e mondiale in difesa del popolo della fraterna Repubblica Bolivariana del Venezuela e del governo costituzionale del Presidente Nicolás Maduro, che ci onora oggi qui con la sua presenza in questa sfilata, ratifichiamo da questa emblematica Piazza della Rivoluzione le dichiarazioni del compagno Raúl, e cito : “Reitero la ferma solidarietà della Rivoluzione Cubana con la Rivoluzione Bolivariana, con il Presidente costituzionale Nicolás Maduro e con l’unione civico-militare che questi guida.

Reitero l’assoluta lealtà alla memoria del Comandante Hugo Chávez Frías, il miglior amico della Rivoluzione Cubana.

La pace che oggi il Venezuela reclama e che tutti necessitiamo, è una pace con giustizia, con uguaglianza, una pace in piedi e non in ginocchio: è la pace con dignità e sviluppo”, fine della citazione.

La Rivoluzione Bolivariana ha l’appoggio della maggioranza del popolo venezuelano e riceve un’ampia solidarietà dalla regione e da altri popoli del mondo. Respingiamo con forza tutta l’ingerenza esterna così come le azioni di destabilizzazione, violenza e guerra economica che violano l’’ordine costituzionale, la sovranità, l’indipendenza e l’autodeterminazione del popolo venezuelano.

Salutiamo stamattina la presenza tra noi di centinaia di amici di differenti organizzazioni sindacali, del movimento sociale e dei gruppi di solidarietà, ai quali esprimo a nome della classe operaia cubana, un infinto ringraziamento per il loro permanente appoggio alla nostra causa.

Inoltre ratifichiamo il messaggio di solidarietà e impegno militante con i lavoratori che oggi nel mondo sono vittime della più brutale repressione, perchè reclamano i loro più elementari diritti.

La mobilitazione internazionale continuerà a combattere la battaglia per l’eliminazione del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba, che rimane nella sua più completa applicazione e in particolare nei settori che danneggiano di più la popolazione cubana.

Il nostro saluto va a tutti i giovani continuatori dell’opera della Rivoluzione e protagonisti negli apporti economici produttivi e sociali della nazione, alle donne lavoratrici presenti in tutti i settori e maggioranza in alcuni, nel 200º anniversario della nascita di Mariana Grajales, e alla nostra Federazione Sindacale Mondiale a 70 anni dalla sua creazione.

Care compagne e cari compagni,

“Uniti nella costruzione del socialismo”, è lo slogan di questa celebrazione, la sintesi della nostra decisione e aspirazione presente e futura della forza di una classe operaia al potere, la cui piattaforma d’azione di classe e unitaria, alza le bandiere per la preservazione della pace, della solidarietà e della fraternità tra i popoli.

Avanti! Marciamo uniti con la certezza assoluta della sicura vittoria!

Viva la Rivoluzione! Viva Fidel e Raúl!

Viva i lavoratori!

Hasta la victoria, siempre!

( Traduzione GM – Granma Int.)